Share Poll

Poll link

500 px
350 px
250 px
Preview

widget preview:

Width - px Height - px

Close preview
! You are using a non-supported browser Your browser version is not optimised for Toluna, we recommend that you install the latest version Upgrade
Our Privacy Notice governs your membership of our Influencer Panel, which you can access here. Our website uses cookies. Like in the offline world, cookies make things better. To learn more about the cookies we use, check out our Cookies policy.

Infographics Click to show more
35% 1807 votes
65% 3330 votes
5137 people voted
Sì, credo che oggi sia più importante che mai monitorare... 3708 votes

Sì, credo che oggi sia più importante che mai monitorare i social media .
72%
Sì, credo che oggi sia più importante che mai monitorare i social media .
No, penso che sia sufficiente il modo in cui è . 709 votes

No, penso che sia sufficiente il modo in cui è .
14%
Non lo so. 638 votes

Non lo so.
12%
Altro. 82 votes

Altro.
2%
Copied to clipboard
renedrive

renedrive

  Come sempre in queste situazioni gli umani confondono l'azione con il veicolo attraverso il quale viene perpetrata o promossa. Ovviamente il determinato social nulla ha a che vedere con il crimine ma è solo uno dei tanti possibili tramite. Semplicemente se il determinato social non fosse esistito ne sarebbe stato usato un altro, oppure se i social non esistessero l'omicida sarebbe circolato nel mondo reale nel tentativo di addescare potenziali prede. E' quindi facile osservare come sia inutile la censura di un determinato sito social alla soluzione del "problema", come la censura non sia mai una soluzione, la censura di un determinato social serve solo a far cambiare il veicolo al delinquente. In realtà possiamo osservare come alla nascita dei social ci si sia ritrovati con un nuovo e potente mezzo per trovare e punire tali predatori visto che spesso tali delinquenti peccano di troppa condivisione di dati e sono facilmente rintracciabili attraverso appunto il social che utilizzano. Perché quindi ad ogni occasione invece si propone censura sui social? Ovviamente la risposta è semplice, la censura è controllo, e chi desidera controllo ha sempre promosso censura sull'intera struttura Internet, non di meno sui social. Fa comodo quindi fingere di confondere il veicolo con l'azione perché fornisce una scusante di possibile censura per motivi che sembrano validi ad un pubblico distratto e che si fida dell'ambito costruito attorno al crimine. Un caso puro e semplice di manipolazione mentale delle masse modificando e ricontestualizzando la realtà e le notizie.
Simonamingliang

Simonamingliang

  Assolutamente no monitorare, ossia limitare la libertà di espressione sui social. Magari rendere disponibili dei servizi di assistenza psicologica, sì, poiché internet è zeppo di insidie e talvolta può alimentare il disorientamento in uno stato psicologico molto provato.
S8170826u81

S8170826u81

  Credo che dovrebbe essere più immediato per persone con pensieri suicidi contattare qualcuno che si occupi di questi aspetti, piuttosto che sfogarsi sui social. Quindi alla base dovrebbe esserci una opinione migliore nei confronti degli psicologi, oltre che una corretta istruzione, sensibilizzazione e formazione in merito ai servizi disponibili.

You’re almost there

In order to create content on the community

Verify your Email / resend
No thanks, I’m just looking

OK
Cancel
We have disabled our Facebook login process. Please enter your Facebook email to receive a password creation link.
Please enter a valid Email
Cancel
We're working on it...
When you upload a picture, our site looks better.
Upload