Share Poll

Poll link

500 px
350 px
250 px
Preview

widget preview:

Width - px Height - px

Close preview
! You are using a non-supported browser Your browser version is not optimised for Toluna, we recommend that you install the latest version Upgrade
Our Privacy Notice governs your membership of our Influencer Panel, which you can access here. Our website uses cookies. Like in the offline world, cookies make things better. To learn more about the cookies we use, check out our Cookies policy.

kittitruck

  1 month ago

Non chiamatemi Morbo

"il Parkinson non è contagioso"

oggi voglio fare un pò di pubblicità... diciamo pubblicità progresso.

A settembre partirà la campagna "non chiamatemi morbo" sul morbo di parkinson. Una malattia che colpisce in tanti modi diversi..

E' stato fatto un libro in cui ci sono 21 storie di gente che si è ammalata di Parkinson, per far conoscere questa malattia a chi non la conosce, per far capire cosa voglia dire avere questa malattia invalidante.

Nel libro "parla" il morbo, descrive quel che ha fatto per "contrastare" e rendere difficile la vita alle persone e poi parlano le persone e raccontano cosa hanno fatto per contrastare il morbo.

Ci sarà una mostra parlante dal 22 al 27 settembre a Milano, al chiostro del Piccolo Teatro
. le voci saranno di Lella Costa e Claudio Bisio.

...sono entrata in questa realtà alcuni anni fà con mio papà e, strada facendo ho trovato tanti conoscenti.

Un plauso alle associazioni che si adoperano sul territorio, associazioni in cui ci si sente un gruppo di amici.

C'è un video di presentazione su you tube, non lo posto per regolamento ma, se vi interessa, cercate NonChiamatemiMorbo e lo troverete.

buona giornata
Reply
Post

Ale83W

  1 month ago
Il termine morbo è stato storicamente utilizzato per indicare le malattie a decorso fatale, soprattutto perché sconosciute e quindi incurabili. Non a caso tale dizione veniva associata quasi sempre al nome del medico che l'aveva scoperta o descritta per primo, sia come riconoscimento al primo grande passo verso la terapia, sia perché oggettivamente spesso non si conosceva nulla o quasi nulla dell'eziologia della patologia ed era il sistema più semplice per classificarla. Il termine "morbo" attualmente è un vocabolo in via di abbandono sia per rispetto del malato sia perché di molte malattie è stata trovata l'origine e la cura, così, per citarne alcuni, il Morbo del legionario adesso si nomina legionellosi, il Morbo di Pott, una malattia una volta devastante perché provocava la paralisi totale o parziale e la consequenziale morte per inedia, adesso si chiama spondilite ed è trattabile mediante antibiotici. Per continuità ed uso alcune malattie gravi molto diffuse, (Alzheimer, Parkinson), che però non sono necessariamente tali almeno per un periodo di vita medio, vengono ancora indicate con il lemma "morbo" anche nei titoli di pubblicazioni scientifiche ma poi nelle trattazioni vengono correttamente descritte come malattia o sindrome pur essendo ancora non totalmente curabili
L'evoluzione linguistica è un dato di fatto
Reply
1 comments

bergoglio

  1 month ago
E' una brutta malattia, ma conoscendola si può sopravvivere meglio Reply
1 comments

laura.fabiani

  1 month ago
lo vado a vedere. bella iniziativa Reply
1 comments

cesiria64

  1 month ago
grazie per aver postato quest iniziativa interessante su una malattia di cui si crede di sapere molto ma non è cosi.ho avuto contatto con questa malattia molto da vicino. con mio padre, e so quanto sia invalidante, a seconda ovviamente dei vari stadi.so anche però che si sta studiando molto in questo campo, e credo che molto si possa fare.mio padre non s è mai arreso, anche quando la malattia lo ha seduto,invalidato....ma lui era certo si potesse un giorno fare molto per contrastarla,e leggeva, si informava... Reply
1 comments

toninepente

  1 month ago
Grazie, tutto veramente interessante Reply
1 comments

nevathrad

  1 month ago
Perchè non postarlo? Mica è una pubblicità commerciale... vado a vederlo...
Comunque, gran bella iniziativa, sarebbe fantastico se qualche emittente si facesse carico di trasmetterla...
Reply
5 comments

ziamago

  1 month ago
Interessante, grazie:) Reply
1 comments

Robyi72

  1 month ago
Grazie per le informazioni, buon lunedì Reply
1 comments

E9248574

  1 month ago
Grazie x le informazioni, buona giornata Reply
1 comments

missverdecita

  1 month ago
Hai fatto bene a parlare di questo argomento, grazie Reply
1 comments

Copied to clipboard

You’re almost there

In order to create content on the community

Verify your Email / resend
No thanks, I’m just looking

OK
Cancel
We have disabled our Facebook login process. Please enter your Facebook email to receive a password creation link.
Please enter a valid Email
Cancel
We're working on it...
When you upload a picture, our site looks better.
Upload